window.dataLayer = window.dataLayer || []; function gtag(){dataLayer.push(arguments);} gtag('js', new Date()); gtag('config', 'UA-32853889-1');
Impianti Antifurto2018-08-17T16:35:07+00:00

Impianti Antifurto

L’esperienza pluriennale dei tecnici di Elettro Security, la conoscenza delle numerose problematiche legate al mondo della sicurezza, unitamente all’uso delle più moderne ed aggiornate tecnologie disponibili sul mercato, offrono a chi è alla ricerca di sicurezza, affidabilità e semplicità d’uso il partner ideale per la protezione di persone, abitazioni ed ambienti commerciali e lavorativi.

Dopo un’accurata analisi dei rischi, progettiamo, installiamo, collaudiamo e manteniamo in perfetta efficienza negli anni impianti antifurto personalizzati in base alle esigenze di sicurezza e disponibilità di portafoglio di ogni singolo cliente.

Realizzazione di impianti in LIGURIA, TOSCANA, LOMBARDIA e PIEMONTE con assistenza e manutenzione programmata.

DA COSA E’ COMPOSTO UN SISTEMA DI ALLARME?

  1. LA CENTRALE

E’ l’elemento principale, il cuore e l’anima dell’impianto. Dotata di batterie ricaricabili che,  in caso di  assenza di  tensione elettrica 220V, le permettono di funzionare autonomamente anche per alcuni giorni e può essere consultata in qualsiasi momento per visualizzare lo storico degli eventi che si sono verificati nel tempo.

  1. IL COMBINATORE TELEFONICO

Da diversi anni è ormai integrato nelle principali centrali antifurto, ma può essere collegato a ogni tipo di centrale, anche datata, per aumentarne il livello di sicurezza. E’ il componente che permette al sistema antifurto di inviare tempestivamente ai numeri inseriti in rubrica tutte le possibili segnalazioni o anomalie: il tentativo d’intrusione, la manomissione o la mancanza di rete 220V. Può essere collegato alla  linea telefonica fissa (PSTN),  oppure essere di tipo GSM, ovvero tramite una SIM (Tim, Wind o Vodafone) avvisa il proprietario tramite sms e chiamate vocali a numeri fissi o cellulari. Grazie al combinatore telefonico l’impianto di allarme può essere collegato gratuitamente alle forze dell’ordine che riceveranno una chiamata che identifica chiaramente l’indirizzo dove si sta verificando il tentativo di furto e precisamente in quale accesso (finestra, porta d’ingresso, persiana o tapparella).

  1. LE SIRENE

Sono un elemento importante del sistema e ad esse è affidato il compito di avvisare acusticamente di una situazione di allarme in corso. Esistono 2 tipi di sirene: da interno e da esterno e possono essere a filo o via radio. Le sirene da esterno è bene che siano in posizione ben visibile ma difficilmente raggiungibile in modo da funzionare da deterrente all’intrusione, hanno una frequenza udibile fino ad oltre 1 km di distanza e sono protette da apertura, rimozione ed inserimento di schiuma. Quelle da interno invece hanno una frequenza che ha lo scopo di essere fonte di disturbo per l’eventuale intruso e di identificare l’appartamento violato.

  1. ATTIVATORI e ORGANI DI COMANDO

Consentono l’attivazione ed il disinserimento dell’impianto d’allarme, oltre ad una eventuale parzializzazione dello stesso (ossia la possibilità di inserire l’allarme solo in determinate zone). Possono essere di diverso tipo: tastiera numerica, badge di prossimità (tag), radiocomando, o rilevatore di impronte digitali. Oltre naturalmente alla possibilità di agire direttamente per mezzo di cellulare con sms o grazie alla applicazione per smarphone. Infine le centrali più evolute possono essere gestite tramite web server direttamente da pc.

  1. SENSORI

Esistono 2 tipologie di sensori:

VOLUMETRICI: i rilevatori di tipo volumetrico possono essere ad infrarossi, microonde o a doppia tecnologia (infrarosso e microonde). Vengono installati nell’ambiente da proteggere sia in interno che in esterno e rilevano i movimenti non autorizzati.  Esistono sensori specifici con immunità agli animali domestici, ai fenomeni atmosferici, alle piante e agli alberi per ogni esigenza specifica.

PERIMETRALI: i rilevatori di tipo perimetrale possono essere a contatto magnetico per finestre o persiane, sensori per tapparelle, che rilevano la rottura dei vetri, la perforazione, oppure barriere perimetrali orizzontali o verticali, a tenda infrarossi e a doppio fascio. Questi rilevatori permettono di inserire l’impianto parzialmente proteggendone il perimetro, con le persone che si muovono liberamente all’interno, protette da ogni tentativo di intrusione.

Progettazione, installazione e manutenzione di impianti di allarme di tipo filare, via radio e/o ibridi delle migliori marche sul mercato ad esempio: GESCO, ELMO, ELKRON, INIM, PYRONIX, RISCO, DOMOTEC, HESA,

Questo sito fa utilizzo dei cookies per fornirti un'esperienza di navigazione migliore.Consulta la nostra Politica dei cookie per avere maggiori informazioni. Modifica Impostazioni sui cookie Accetto

Google Analytics

Analisi in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi si comportano durante la visita del sito stesso al fine di elaborare statistiche generali sul servizio e sul suo utilizzo. Decidi se desideri disabilitare o mantenere questo cookie su questo sito web

Contenuti di terze parti

I cookie di terze parti sono impostati da un sito web diverso da quello che si sta attualmente visitando. Decidi quale dei seguenti cookie vuoi mantenere o disabilitare.